Blog: http://sinistramaldestra.ilcannocchiale.it

Mae Baratinha,una storia di Candomblè

 

MERCOLEDI 19 MARZO, alla Casa del Cinema di Roma, all'interno della Rassegna ItaliaDoc (curata da Maurizio Di Rienzo), sarà proiettato il film documentario di Mario Balsamo
MAE BARATINHA, UNA STORIA DI CANDOMBLÉ

Chi è Mãe Baratinha? Una sciamana della religione afrobrasiliana del Candomblé, morta il 18 ottobre del 2004. Anche se a Cachoeira – Bahia, Brasile – tutti pensano che sia ancora viva. Mario Balsamo, l’aveva incontrata nel 2003 e dopo la sua scomparsa è tornato a raccogliere testimonianze sulla sua vita, rimanendo coinvolto in prima persona in riti religiosi. Con un interrogativo misterioso cui il documentario cerca di rispondere: Mãe Baratinha è davvero morta?
Seguirà l'incontro con l'autore.
Mario Balsamo (Latina 1962) è documentarista e scrittore. Autore e regista di 16 documentari,cortometraggi,videoclip e pubblicità progresso ( l'ultima per le Nazioni Unite). Dirige laboratori di documentaristica e collabora da molti aa con la Rai come regista e co-autore di programmi televisivi. I principali documentari: Io,Socrate e Linda (2005), Sotto il cielo di Baghdad (2003), Il villaggio dei disobbedienti (2002), Un mondo migliore è possibile (documentario collettivo 2003), Le isole dipinte-Viaggio nelle Marchesi di Paul Gaugain (2000), In restauro-L'Opificio delle Pietre Dure di Firenze (1999), Alvaro Siza,architetto (1988). E' autore del romanzo storico "Que viva Marcos!" 

La proiezione si terrà nella SALA DELUXE alle ore 16.00
La Casa del Cinema si trova a Largo Marcello Mastroianni 1, a Roma
(Ingresso da Piazzale del Brasile, Parcheggio di Villa Borghese)
Con l’autobus
490 – 491 – 495 – C3 – 88 – 95 – 116 - M
Con la metropolitana
Metro A (fermate Spagna, Barberini, Villa Borghese, Flaminio).

Pubblicato il 16/3/2008 alle 20.29 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web